Ritratto d’estate

Le cure del sonno
e le stanze
immerse nelle ombre
allungate come in un solstizio
d’inverno.
Ma d’estate.
 
Libri stropicciati
sugli orli sinfonici
silenzi
e qualche parola
travestita
da parola inaudita
appuntata con lo scotch
su un bianchissimo
muro caldo.

 
Lucia Borri, agosto 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *